News

Fiera Antiquaria Arezzo Dove Dormire

Fiera Antiquaria di Arezzo

Da 40 anni la Fiera Antiquaria di Arezzo è conosciuta da appassionati e curiosi.

Tutti i primi week end di ogni mese il centro storico si riempie di colorate bancarelle in un fantastico miscuglio di mobili antichi, stampe curiose, suppellettili di modernariato e oggetti della nostra infanzia.

Nei giorni della Fiera Antiquaria il piano inclinato ed irregolare di Piazza Grande, circondato da torri merlate e palazzi patrizi e delimitato dalle Logge disegnate dal Vasari, torna ad essere “mercato” e si popola di antiquari, collezionisti e curiosi.
I cortili dei palazzi e le Logge si animano con banchi colmi di oggetti di ogni tipo, invadono strade e viuzze, borghi e piazze di tutto il nucleo storico.

Gli espositori fissi arrivano da ogni parte d'Italia e sono ormai più di 500 con i loro mobili, quadri, porcellane, libri e antiche stampe, orologi e articoli di abbigliamento.
E per tutti c'è il piacere di cercare, come una grande caccia al tesoro!

Nata nel 1968, ideata dall'antiquario e collezionista Ivan Bruschi (la cui casa, immenso scrigno di preziose collezioni, è ora una “casa-Museo” visitabile), la Fiera Antiquaria di Arezzo, ha cadenza mensile e un successo duraturo e consolidato nel tempo.

E grazie al successo dell'esposizione all'aperto, nella sola Arezzo oggi si contano oltre 100 negozi di antiquariato, un numero che in trent'anni di Fiera si è quasi decuplicato, basti dire che nel 1968 gli antiquari presenti in città, erano non più di quindici.

Accanto a queste botteghe di ricercatori e raccoglitori, numerosi negozi espongono pezzi selezionati di grande pregio e propongono più accentuate specializzazioni per collezionisti ed intenditori: mobili e suppellettili, nature morte, quadri a soggetto religioso, dipinti d'ogni epoca, e poi gioielli, orologi argenti, libri e stampe antiche, modernariato, strumenti scientifici, radio e grammofoni, strumenti musicali, giocattoli.

La caccia all'oggetto pregiato, alla curiosità, al “pezzo” mancante di una preziosa collezione, si apre già durante la sera precedente l'apertura del mercato - quando la merce è ancora imballata sui camion – e si chiude, spesso dopo accese contrattazioni, al tramonto della domenica.

Come ci testimonia la scrittrice americana Frances Mayes nel suo libro “Beautiful Toscana“ si può certamente affermare che in ogni casa intorno ad Arezzo, da sotto Roma, fino ad oltre Firenze, ci sia sicuramente un oggetto, un quadro o un mobile, trovato e acquistato alla Fiera Antiquaria di Arezzo, la più antica, la più grande.


Week end toscana per mobili antichi antiquariato, oggetti, tavoli, sedie, arredamento d'epoca,



< Torna all'indice

Newsletter

I dati inviati verranno trattati elettronicamente.
L'interessato gode dei diritti di cui all' Art. 13 della Legge 196/2003.