News

Notti dell’Archeologia alla Casa Museo di Ivan Bruschi

Notti dell’Archeologia alla Casa Museo
La Fondazione Ivan Bruschi presenta una conferenza sulla collezione preistorica
           
 
     Un tuffo nella preistoria, dal Neolitico all’Età del Rame. E’ la proposta della Casa Museo di Ivan Bruschi per “Notti dell’Archeologia”. La manifestazione, giunta quest’anno alla tredicesima edizione, tocca il record di 250 eventi nei musei di tutta la Toscana.
 
     La Casa Museo di Ivan Bruschi, che da anni partecipa all’iniziativa, giovedì 11 luglio alle ore 21, ospiterà un evento speciale dedicato all’archeologia preistorica: una conferenza tenuta dal Dott. Lucio Milani sugli oggetti preistorici presenti nella collezione Bruschi. La maggior parte dei manufatti preistorici presenti nel Museo sono risalenti al periodo Neolitico e all’Età del Rame e sono stati raccolti da Ivan Bruschi nel corso dei suoi numerosi viaggi in giro per il mondo.
 
     La conferenza, che analizzerà l’origine e la produzione di manufatti prodotti anche in epoche più antiche come il Paleolitico Medio, periodo in cui visse l’Uomo di Neanderthal, sarà dunque un modo per “riportare in vita” i manufatti litici parlando dell’utilizzo e dell’importanza della pietra nella preistoria. Si prenderanno in esame gli oggetti esposti mostrando le tecniche con le quali i nostri antenati li hanno realizzati; verranno fatte ipotesi sul loro utilizzo e saranno fatte prove sperimentali di produzione di alcuni manufatti partendo dalla materia prima.
 
     Al termine della conferenza, inoltre, è in programma una visita guidata alla scoperta dell’intera collezione Bruschi, con l’occasione di visitare la mostra appena inaugurata dal titolo “Dai Macchiaioli al Novecento”, curata da Carlo Sisi. Il museo resterà aperto al pubblico fino alle 24.
Ingresso libero, orario di apertura 21 – 24.
 
 
Per informazioni
Casa Museo di Ivan Bruschi
Tel. 0575/354126
casamuseobruschi@gmail.com
www.fondazioneivanbruschi.it


< Torna all'indice

Newsletter

I dati inviati verranno trattati elettronicamente.
L'interessato gode dei diritti di cui all' Art. 13 della Legge 196/2003.